Scheda - MusicArTeam

Vai ai contenuti

Menu principale:

Scheda

Scuderia > Musicisti prima parte (A-M) > Lorenzo Capello

Lorenzo Capello


Suono la batteria dal 1989, ho studiato sia strumento, sia musica d'insieme, arrangiamento e composizione. Fra i miei insegnanti vorrei ricordare Massimo Sarpero, Alfred Kramer, Ettore Fioravanti, Ben Riley, Stefano Battaglia, Roberto Gatto, Adam Nussbaum, Ben Perowsky, Eric Harland, Ferenc Nemeth, Jack Walrath, Paolo Fresu, Glenn Ferris, Bruno Tommaso, Gianluca Tagliazucchi, Anders Jormin, Ben Allison fra gli altri.
Faccio parte di diversi progetti musicali,come Mojca Malievac Quartet, Red Row Quartet, Luca Falomi Quartet, Joscha Zmarzlik Bissfeste Lieder Band, musicista in scena con la Compagnia del Teatro Cargo di Genova, e leader del mio progetto Lorenzo Capello Quintet
Parallelamente all'attività live e in studio insegno batteria e musica.
Discografia: 2004 "Istralia" del trio omonimo, prodotto da Louisiana Jazz Club e Teatro Carlo Felice di Genova. 2004 "Provvisorio", ALEA Ensemble diretto da Paolo Damiani, etichetta Splasc(h). 2006 "Intìma" della cantante slovena Mojca Malievac, uscito in Slovenia per l'etichetta Goga Music. 2008  "Renaissance", cd del progetto folk "Tears of Othila". 2010 "Druga Sila", sempre di Mojca Malievac & Tina Omerzo, uscito in Slovenia per l'etichetta Sanje. 2011 "Viens Voir" del chitarrista genovese Luca Falomi. 2012 "Il Partenzista", il mio disco in quintetto per l'etichetta OrangeHomeRecords, con brani composti e arrangiati da me, con Francesco Di Giulio al trombone, Antonio Gallucci ai sassofoni, Lorenzo Paesani al pianoforte e Fender Rhodes, Dino Cerruti al contrabbasso e basso elettrico. Il disco è disponibile  ordinandolo fisicamente su:
www.lorenzocapello.it , o su Itunes: http://itunes.apple.com/it/album/il-partenzista/id489717020 o su CDBaby: http://www.cdbaby.com/cd/lorenzocapello

PRESENTAZIONE:
il partenzista  -lorenzo capello
il partenzista di Lorenzo Capello? è un disco che ascoltato in cuffia in una stazione ferroviaria
una domenica pomeriggio di novembre potrebbe salvarvi la giornata.
o almeno, potrebbe convincervi che c'è di peggio, il che è già un ottimo risultato
la base è jazz, suona di trombone, sassofoni, pianoforte, contrabbasso e batteria
e di qualche strumento giocattolo
di improvvisazione con e senza rete, con e senza rette
e di una voce più rassicurante dell'altoparlante con l'uomo automatico che ci parla dentro
l'altezza è variabile,sale dalle traversine con odore di catrame che non se ne trovan più alla
linea gialla, alla panchina vuota, fino ai fili dell'alt-attenzione
la diagonale parte dalla musica per cartoni animati noir di derivazione atlantidea, per passare
al circo con pagliacci equilibristi e popcorn troppo cari, all'orologio che è sempre avanti o
indietro, all'umanità varia che viaggia in scompartimenti stagni, al distributore automatico di
zucchero filato, al momento in cui finalmente apri la porta del vagone e speri che dal finestrino
ci sia una bella vista su prati irlandesi o almeno su un disco di tom waits
il partenzista esce per l'etichetta orangehomerecords
i musicisti del disco con i quali il nostro si è trovato magnificamente, da qualsiasi punto di
vista, sono: antonio gallucci ai sassofoni, francesco di giulio al trombone, lorenzo paesani al
piano, dino cerruti al contrabbasso, se stesso alla batteria
ah, cos'è il partenzista: il partenzista è il contrario dell'arrivista:l'arrivista vuole arrivare, a
qualsiasi costo, con qualsiasi mezzo. il partenzista no, lui con qualsiasi mezzo,
a qualsiasi costo, desidera, solamente, partire


 
Torna ai contenuti | Torna al menu